Il giornalista del Quotidiano.net riporta le statistiche sconcertanti di Telefono azzurro,il 28% teme di diventare dipendente dalla rete? Io dico che si è già dipendenti basta guardarsi attorno e ,ad iniziare dai telefonini,tutti gli strumenti tecnologici non solo sono alla portata di tutti ma sempre in uso.Per le strade ,a piedi,in macchina,al lavoro ,a scuola,adulti e giovani sempre all’opera con i loro “aggeggi”tecnologici.
Mi viene in mene il titolo che ho inserito in un post del Quotidiano:”Il telefonino,la nostra “longa manus” come per dire che esso fa parte di noi,del nostro stesso corpo.Non se ne può più fare a meno come pure dell’uso della rete che da qualche tempo è sul nostro telefonino senza più bisogno di usare un computer fisso,ma c’è anche il portatile ed allora “buon uso a tutti”.
Le connessioni sono a portata di mano e quindi non è difficile “incappare”in siti pericolosi.Bastano i “cookie”per far entrare altro durante la tua ricerca.Una parola che ,estrapolata ,ti inserisce in altri siti e si dà spazio alla curiosità.
Basta non aprirli ,si dice,oppure :”vedere con costa niente” e non è difficile lasciarsi “catturare”.Gli indifesi sono i ragazzini o addirittura i bambini che,non seguiti dai genitori,sono liberi di “navigare”.Chi si accorge se di notte vi è il computer acceso nella loro stanzetta quando tutti gli altri dormono? Sul giornale tutti abbiamo letto casi di ragazzine di undici dodici anni che,pensando di chattare con loro coetanei,si sono ritrovate a spogliarsi davanti alla web cam perchè richiesto da chi stava dall’altra parte che certo non era un coetaneo ma un adulto che aveva creato un falso profilo.Un pervertito.Così tanti altri casi.
Io uso ,certo ,il mio smart phone ma non più di tanto,mi contengo specialmente a scuola.Non sono un frequentatore assiduo della rete, uso talvolta Facebook mi scelgo gli “amici” e non mi capita di fare connesioni pericolose.La notte poi è fatta per dormire.

0
Commenti
  1. mikyreporter 4 anni ago

    Condivido pienamente ci

  2. nicotiri 4 anni ago

    Ciao,
    si tutto vero ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account