Il web e le connessioni pericolose sono da tempo uno dei principali argomenti di discussione; I dati dimostrano che non è solo la nostra generazione a rischio, poiché sono ormai numerosissimi gli adulti che usano il cellulare per chattare, giocare e lavorare.
Siamo drogati di wifi e forse non ce ne rendiamo conto; Moltissime volte mi è capitato di sentire persone chiedere se c’è il wifi e la password.
Abbiamo l’esigenza sfrenata di restare in contatto con il mondo esterno e di sentirci parte di esso, vogliamo conoscere notizie in tempo reale, parlare con persone che si trovano all’altro capo del mondo, perché in questo cyberspazio ci sentiamo al sicuro.
É tutto il contrario: quando apriamo una pagina web c’è il rischio di infettare il nostro dispositivo con numerosi virus, allo stesso tempo, quando postiamo immagini nostre o altrui o forniamo alcuni dati personali ci denudiamo difronte al web, ci priviamo di qualsiasi protezione potevamo avere prima.
Alla domanda: “Sapete difendervi da soli dal web e da connessioni pericolose?, risponderei di No, perché siamo troppo vulnerabili e ci facciamo abbindolare facilmente.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account