Ammetto che anch’io sto al telefono, non sempre ma quando non ho nulla da fare la prima idea che mi viene in mente, è quella di prendere il telefono. Personalmente so che ciò che faccio è sbagliato ma non riesco a darmi un limite; non è molto bello rendersi conto dei propri errori e non riuscire a trovarne una soluzione ma penso che non sia proprio colpa mia più che altro della generazione e dell’era in cui sono nata. Fortunatamente non ne sono tanto dipendente quanto altri, difatti io il cellulare non lo uso né a scuola, né la notte, né la mattina (tanto meno prima di andare a scuola). Oramai l’uso del telefono costituisce la stragrande maggioranza della nostra giornata e/o della nostra vita, tanto per farla grossa. Rimango veramente stupida dai dati che vengono trasmessi in tv, perché per quanto questa sia l’era della tecnologia, non riesco a capacitarmi di tutti quei siti sconci che sono visualizzati da bambini che per la loro età non dovrebbero capirne niente. Vorrei finire dicendo che certe volte i ragazzi hanno solo bisogno di qualcuno che gli stia accanto e che si rifugiano nel mondo dei social network perché non riescono a sentirsi accettati in una società cui non va bene niente.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Condivido pienamente ci

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account