Si dice che i giovani d’oggi sono troppo “tecnologici” e che vivono ogni sentimento attraverso lo schermo di uno smartphone. Queste teorie vengono spesso addossate ai ragazzi. Ma gli adulti? Viviamo in un’era prettamente tecnologica, della quale fanno parte anche le persone adulte. Per strada non incontriamo soltanto adolescenti con i cellulari in mano, ma anche adulti e anziani. Vivendo in un’epoca tecnologica e siccome il mondo si evolve, è ovvio che ogni persona, a prescindere dalla propria età, debba progredire e mettersi al passo con la società. Questa condizione, però, non sempre ha portato a dei vantaggi. Sentiamo spesso parlare di disturbi e fobie legate alla tecnologia, come la necessità di controllare durante la notte lo smartphone o andare in panico se non si ha a portata di mano. Alcuni dati ci informano che sono proprio gli adulti a soffrirne maggiormente. I genitori, ma soprattutto il soggetto stesso, deve stare in guarda dalle cosiddette “connessioni pericolose”. Sono sempre più visitati i siti pornografici e d’incontro, i quali, molte volte, ci pongono di fronte a dei veri e propri pericoli. Per questo motivo, è necessario usare la tecnologia con cautela e non permetterle d’impossessarsi della nostra quotidianità. Lì fuori dobbiamo fare i conti con la vita reale, non virtuale.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Bellissimo articolo, ben scritto, scorrevole e molto piacevole da leggere.
    Ho apprezza il tuo stile e il tuo modo di approcciarti all’argomento trattato e l’ inserimento tra le righe anche della tua considerazione personale.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account