Viviamo in un mondo dove ciò che conta sono i “mi piace”,in un mondo dove tutti sono perennemente connessi,in un mondo dove ciò che conta è la propria immagine sui social. Per noi postare una foto, un video o una frase su internet è una cosa normale, eppure nessuno tiene mai conto dei pericoli che ci sono. C’è gente che pubblica foto a dir poco compromettenti, non solo per il presente ma anche per il futuro, perché tutto quello che pubblichiamo è come un segno indelebile, che non va più via.
Io ammetto di essere abbastanza dipendente dal mio cellulare, ma non troppo. Se devo fare qualcosa di importante ed impegnativo dove serve concentrazione spengo il cellulare e lo metto da parte, per esempio quando devo studiare; oppure quando devo passare serate o giornate con amici e parenti, lo metto da parte. Posso dire che essere sempre connessi potrebbe dare l’impressione di avere una vita, ma penso che proprio chi sta sempre con il cellulare non ne abbia. Io non mi espongo molto sul web e cerco di non passarci molto tempo. Non ho contatti con persone che non conosco anche perché sinceramente non mi interessa. Quando persone più grandi o anche coetanei mi inviano messaggi io li ignoro e se continuano li blocco, sono abbastanza informata su questi argomenti e preferisco risultare agli occhi degli altri una persona che “non ha una vita sociale” perché non pubblica mai foto che mettermi in pericolo. Preferisco avere meno seguaci che essere seguita da persone che non conosco e mettermi in pericolo. Parlo il meno possibile di me e della mia vita. Penso che in un pomeriggio che non si ha niente da fare sarebbe meglio uscire all’aria aperta e stare con amici, invece che stare vicino al cellulare; insomma meglio correre, sentirsi il vento che accarezza il viso e sentirsi vivi che stare vicino al cellulare e diventare matti.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Bellissimo articolo, ben scritto, scorrevole e molto piacevole da leggere.
    Ho apprezza il tuo stile e il tuo modo di approcciarti all’argomento trattato e l’ inserimento tra le righe anche della tua considerazione personale.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account