Un ragazzo su cinque si alza in piena notte per controllare il proprio smartphone, ma ancora peggio fanno i presunti genitori di questi giovani: nel loro caso, la percentuale si alza al venticinque percento! Sono i preoccupanti dati che fanno il gioco di chi teme l’eccesso di tecnologia nella nostra vita quotidiana e tende a demonizzare il progresso, quando invece l’attenzione va spostata sulla nostra debolezza: siamo noi a cadere ipnotizzati dalle chat, dai social e da tutte quelle applicazioni che hanno riassunto il mondo in un rettangolo d’alluminio. Ma questa è una nostra “colpa” e siamo sempre noi a rendere potenzialmente pericolose macchine nate per aiutare e facilitare il nostro lavoro quotidiano. Dietro al sottilissimo schermo degli ultimi dispositivi si celano hacker, virus e malintenzionati che popolano Internet, nascondendosi dietro profili falsi e trucchi del mestiere per mascherare la propria identità. Loro movente principale è il denaro, ancora quello: attorno al Web gira un altissimo interesse economico, basti pensare solo alle pubblicità che appaiono aprendo una comunissima finestra in rete. E c’è chi cerca di far soldi in modo illecito, ricattando e rubando dati e informazioni ai vari utenti connessi, tanto più che sono spesso i giovani, la parte più popolosa di Internet, a cadere nelle angherie dei criminali della rete. Ricordiamo quindi di fare attenzione, di avere maturità e consapevolezza di quello che si nasconde dietro ai nostri “tocchi” quotidiani, senza incriminare la tecnologia, ma ricordando che siamo noi, uomini, ad averne fatto uno strumento potenzialmente pericoloso. Sviluppare nuovi dispositivi e apparecchi che facilitino la vita di tutti i giorni non è certo un fatto da condannare tra i “mali del Web”!

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Mi piace moltissimo il modo in cui hai deciso di affrontare l’argomento, lo stile

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account