Al giorno d’oggi a causa dell’eccessiva diffusione di smartphone e mezzi tecnologici, molti ragazzi vivono in maniera sedentaria e si isolano dagli altri e dal mondo esterno. Alcuni bambini ricevono, infatti, il primo cellulare già da piccolissimi e ciò comporta una diminuzione del tempo e dello spazio dedicato al gioco ed alle attività all’aria aperta, che permetterebbero loro di acquisire capacità motorie e di coordinazione necessarie alla loro vita futura. Le nuove generazioni risultano già meno agili: per molti, arrampicarsi su un albero, lanciare una pallina o fare una capriola sono imprese ardue! La colpa principale dunque sarebbe dell’uso eccessivo di apparecchi tecnologici, responsabili anche di problemi alla vista o difficoltà nel mantenere l’attenzione su qualcosa. Inoltre, l’utilizzo precoce dei social network espone chi li usa a gravi rischi, legati alla sottrazione di informazioni personali o alle conseguenze di immagini o commenti postati ingenuamente. Bisogna quindi educare sia i genitori che i ragazzini all’uso degli smartphone e di internet, cercando di tenere i bambini lontani dagli apparecchi tecnologici, incentivandoli piuttosto ad uscire ed a divertirsi in un prato a contatto con la natura.

0
Commenti
  1. ricanews 5 anni ago

    Articolo scorrevole, espresso in modo semplice e chiaro. Hai sviluppato molto bene l’argomento improntandolo sull’uso soprattutto di ragazzi sempre pi

  2. mikyreporter 5 anni ago

    Mi piace moltissimo il modo in cui hai deciso di affrontare l’argomento, lo stile

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account