Tra gli adolescenti, 1 su 5 si sveglia di notte per controllare se ha ricevuto messaggi o altre interazioni social (fenomeno conosciuto come “Vamping), e tra gli adulti è addirittura 1 su 4 a controllare il proprio smartphone durante la notte. Il rischio è che questi dispositivi diventino un’ossessione per tutti.
Nell’indagine viene intervistato il professor Tonioni, coordinatore del centro pediatrico per la Psicopatologia da web del Policlinico Gemelli di Roma, che invita i genitori ad essere più presenti e “non utilizzare il web come balia”.
In occasione della Giornata della Sicurezza Digitale è stata inoltre diffusa una guida per i più giovani con alcuni consigli: impostare il massimo grado di protezione di privacy offerta dai Social;
non pubblicare informazioni riservate; accettare tra gli amici solo le persone che si conoscono nella realtà e prestare attenzione a ciò che si pubblica sul web, poiché questo costituisce una sorta di “biglietto da visita” della persona.
Un ultimo consiglio è quello di non incontrare dal vivo i soggetti conosciuti tramite web.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 5 anni ago

    Bellissimo articolo, ben scritto, scorrevole e molto piacevole da leggere.
    Ho apprezza il tuo stile e il tuo modo di approcciarti all’argomento trattato e l’ inserimento tra le righe anche della tua considerazione personale.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account