Internet è un mondo parallelo al nostro, in cui non esistono distanze, in cui si può scoprire qualcosa premendo semplicemente “invio” e apparentemente irreale, ma certamente pieno di insidie. È notizia di pochi giorni fa che un uomo giapponese è morto per “overdose” di Internet, infatti era costantemente dipendente dallo web da fare a meno di mangiare e dormire.
Ma come può internet diventare una droga? Si definisce così qualunque cosa di cui non si può più fare a meno, dipendenza, e di cui bisogna continuamente aumentare la quantità, assuefazione. Internet è proprio una droga che, a differenza di tutte le altre, è sempre a portata di mano, o per meglio dire di “touch”. Questo fa sentire coloro che navigano capaci di andare ovunque senza alcuna fatica e poi un sito chiama l’altro e non lo si ferma più, ci fa essere in tutto il mondo stando chiusi tra quattro pareti portandoci a perdere il controllo, a estraniarsi dalla vita reale.
Allora come difendersi dai pericoli di Internet? Io posso dire di non essere affetta da questa dipendenza ossessiva: chatto, guardo video, faccio ricerche, ma riesco tranquillamente a controllarlo. Ho degli amici, con cui esco di persona, i compiti, la scuola e una quantità di passioni che riempiono la mia giornata . Internet per me è uno strumento, non un fine. Preferisco uscire con qualcuno che chattare perché uno schermo non potrà mai trasmettermi certe sensazioni: il suono delle parole, l’espressione del viso. Inoltre è più facile mentire su WhatsApp che guardandosi negli occhi. Altro motivo per evitare le chat!
Lo web ha potenziali straordinari, ma non deve manipolare la nostra esistenza. A dimostrazione che sono io a gestirlo e non lui a gestire me c’è un dato di fatto: io talvolta sono capace di mettere il mio smartphone “offline” e vi assicuro che vivo bene anche senza!

0
Commenti
  1. paolaaa 4 anni ago

    Ciao
    Ho apprezzato molto il tuo articolo, appare molto interessante, chiaro e semplice.
    Il testo

  2. mikyreporter 5 anni ago

    Ottimo articolo, ho apprezzato molto perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account