Fra i tanti vantaggi che il Web offre, conseguentemente vi sono tanti aspetti negativi: protagonisti di quest’ultimi sono sicuramente i più giovani, inconsapevoli degli scenari tutt’altro che positivi nei quali possono incombere. Connessioni pericolose dalle quali è difficile difendersi, ma certamente non impossibili: in una fascia di età che racchiude i bambini al di sotto dei tredici anni, è senza alcun dubbio indispensabile il controllo dei genitori, i quali devono necessariamente avere sotto mano la cronologia dei propri figli. Infatti, è recente l’indagine condotta di un sito di ricerca che dimostra come quattro ragazzi su cinque siano dipendenti da siti pornografici, un dato allarmante che deve comportare delle contromisure capaci di arginare questo triste fenomeno in via di diffusione.
Per quanto riguarda i ragazzi dall’età sopra i sedici anni, un poco di buonsenso sarebbe più che sufficiente, oltre che ad una maggiore predisposizione alla vita sociale, la quale aiuterebbe senza dubbio l’abbassamento di questa triste abitudine.
Dunque, come difendersi? Senza dubbio bisognerebbe far prevalere la ragione ai sensi, non adottandola come una lezione filosofica, ma usando questa frase come vera e propria filosofia di vita.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account