L’abuso della Web-Technology ha effetti dannosi su due fronti: la salute e la socialità.
Stare a stretto contatto con un telefono cellulare per un periodo prolungato può aumentare il rischio di contrarre un tumore, lo sguardo fisso su uno schermo può indebolire la vista e stare tutto il giorno incollati a computer, telefono cellulare, IPod, consolle, può portare a un deterioramento delle attività cerebrali; il cervello, sottoposto a uno sforzo prolungato, non ha il tempo di riposare.
Il pericolo sociale è molto più ampio e vasto: non solo i ragazzi, ma anche gli adulti, a forza di socializzare solo sui social-network e parlare attraverso messaggi, rischiano di perdere ogni tipo di contatto umano. La vita diventa un mondo virtuale, dove tutto è permesso e l’amicizia si trasforma in una corsa sfrenata per aggiudicarsi più seguaci e like sui propri profili, mentre tutto il resto diventa superfluo e chi non riesce a superare la prova viene emarginato.
Navigando costantemente sui social-network si va incontro a pericoli per i quali è difficile trovare rimedio: furti d’identità, siti pornografici, virus e cyber bullismo sono solo alcuni dei problemi che si possono trovare. I più a rischio sono i ragazzi che spesso affrontano questi siti con leggerezza, condividendo con estranei foto, fatti e notizie personali, non badando ai consigli e a agli ammonimenti degli adulti e incappando così in gravi pericoli.
Per fortuna sono entrata in questo mondo in un’età più consapevole, in cui ero già capace di distinguere i vari rischi. Per questo devo ringraziare i miei genitori che hanno cercato di tenermi il più possibile lontana da quest’enorme universo digitale che è Internet. All’inizio non capivo perché avessero tanta paura, ora invece lo comprendo e posso affermare, con una leggera fierezza, di essere in grado di tenere testa a questo piccolo mostro che è la dipendenza dal web. Mi rendo conto che adesso sia più difficile controllare i bambini, che vengono a contatto con il web già da piccoli e limitare gli accessi ai ragazzi, che molto spesso ne abusano, contraendo una vera e propria dipendenza dal cellulare, senza il quale sembrano non vivere.
Il controllo dei genitori deve essere presente in riferimento a bambini e ragazzini, ma sugli adolescenti rischia di diventare opprimente e intollerabile, come se non ci fosse fiducia tra genitore e figlio. A quest’età si dovrebbe diventare più consapevoli, capaci di capire e comprendere i danni che si possono incontrare nell’universo web, saperli risolvere autonomamente e, se possibile, evitarli.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account